In Calabria, sul Tracciolino, il sentiero a picco sul mare

Il Tracciolino, è il famoso sentiero della Costa Viola che si snoda a trecento metri di quota nella macchia mediterranea offrendo magnifici panorami sulle spiagge calabresi.

Il Tracciolino, un sentiero panoramico che collega Palmi e Bagnara Calabra, in provincia di Reggio Calabria, è fra i percorsi di trekking più belli e suggestivi di tutta la regione. Una splendida terrazza panoramica sullo Stretto di Messina e le Isole Eolie. Si trova sulla cosiddetta Costa Viola, uno stupefacente susseguirsi di promontori rocciosi così chiamato da Platone dopo aver osservato il fenomeno naturale che al crepuscolo tinge il paesaggio di tinte violacee prodotte dal riflesso dei fondali rocciosi gremiti di alghe.

Vista sulle falesie e le spiagge dell’Aspromonte

Il sentiero del Tracciolino, sospeso fra il Tirreno e gli ultimi prolungamenti montuosi del Parco Nazionale dell’Aspromonte, attraversa uno dei tratti più integri e suggestivi della costa. Il trekking si inoltra tra i colori e i profumi intensi della macchia mediterranea e offre un panorama a dir poco spettacolare: all’orizzonte le Isole Eolie con il profilo dello Stromboli in primo piano, a sudovest la possente sagoma dell’Etna oltre lo Stretto di Messina, e a nord la piana di Gioia Tauro, al di là della quale si staglia la sagoma di Capo Vaticano. Lungo tutto il percorso, si ammirano dall’alto romantiche cale e spiaggette incastonate come perle tra le falesie. Come quelle della MarinellaSan Sebastiano, Cala del Leone e Cala Janculla, più volte insignita del titolo di Bandiera Blu e inserita da Legambiente fra le dieci spiagge più belle d’Italia.

Tracciolino: un trekking adatto a tutti

Quello del Tracciolino è un sentiero di livello E (escursionistico), adatto a chi ha un minimo di allenamento al trekking, con solo un paio di tratti più esposti ma superabili in tranquillità. Non essendo presente alcuna segnaletica è comunque preferibile farsi accompagnare da una guida del posto. Il sentiero si snoda per lo più a mezza costa, tranne nell’ultimo tratto, a una quota media di 300 metri sul fianco del Monte Sant’Elia. Il Tracciolino parte da Palmi e ci sono tre strade per percorrerlo. Due sono ad anello (10 e 14 km) e vi si accede tramite la prima o la seconda via di fuga del sentiero principale, passando in entrambi i casi per i Piani della Corona. La prima uscita sale serpeggiando verso Cantine Impiombato. Da qui si prosegue fino alla cima del Monte Sant’Elia (579 metri), contraddistinto dalla presenza di tre croci bianche e dalla vista magnifica sulla costa sottostante. Un ripido sentiero forestale riporta in paese al punto di partenza. La seconda uscita si trova all’altezza della località Rocca, da cui si arriva alla chiesetta sconsacrata della Madonna della Neve e si prosegue fino alla cima del Monte Sant’Elia per poi scendere di nuovo in paese.

Tra tunnel e sentieri francesi per ammirare la pesca di pesce spada

Per seguire il sentiero del Tracciolino c’è una terza opzione: si può scegliere di ignorare le due vie di fuga di cui abbiamo parlato finora e imboccare il Sentiero dei Francesi o Sentiero del vino, che si snoda per tre chilometri lungo i ripidi terrazzamenti dei vigneti di Zibibbo un tempo coltivati nella zona. È la parte più impegnativa del percorso, che dalla frazione di Ceramida di Bagnara, consente di proseguire fino al Tunnel dei Francesi o di Murat, scavato dai francesi nel 1806 per difendere la costa dall’esercito inglese. Siamo a 14 chilometri da Palmi, e questa parte del tracciato è adatta a chi ha fiato ed è particolarmente allenato ad affrontare trekking impegnativi, in quanto dopo la discesa al tunnel (lungo circa 70 metri, che sbuca sul promontorio della spiaggia di San Sebastiano, che si ammira dall’alto), bisogna poi risalire lungo i terrazzamenti per un totale di 17 km. È la scelta decisamente più impegnativa, ma lo sforzo è ripagato dalle vedute mozzafiato.

Se si sceglie di percorrere il Tracciolino insieme ad una guida, partendo da Ceramida, si viene riportati a Palmi in navetta. Se deciderete di percorrere il sentiero durante l’estate, la stagione d’accoppiamento del pesce spada, potrete assistere alla caccia di migliaia di esemplari che si radunano in banchi lungo tutta la costa. È la grande attrattiva della zona.

Info utili per il trekking del Tracciolino

L’Associazione Abra Calabria organizza escursioni personalizzate che prevedono anche degustazioni “panoramiche” lungo il sentiero del Tracciolino, e il percorso serale, con tanto di torce, per godere dello spettacolo del tramonto sul mare. Abra Calabria, Palmi (RC) in Via Garibaldi. Per info: escursionismo.it, tel. 347 3399042.

Itinerario percorso Tracciolino, Costa Viola, Calabria

Partenza: Palmi. Arrivo: Bagnara Calabra. Lunghezza percorso e tempo di percorrenza: primo anello, 10 km, 4 ore; secondo anello, 14 km, 4 ore e mezza/5 ore; Palmi-Tunnel dei Francesi, 17 km, 5 ore. Dislivello: sentieri ad anello, 349 metri; Palmi-Tunnel dei Francesi, 250 metri. Segnaletica: assente.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: