L’arrivo della primavera permette di scoprire il volto più vero di Capri, un’isola in fiore, piena di colori e non ancora affollata di turisti. È questo il momento migliore per conoscere “l’altra isola”. Oltre la piazzetta ci si addentra nel cuore verde di Capri e si godono le sue bellezze da un altro punto di vista.

Forse per questo l’imperatore Tiberio si fece costruire ben 12 ville su questa perla del golfo di Napoli. I resti più famosi sono quelli di Villa Jovis, raggiungibili con un trekking archeologico di 40minuti che parte dalla famosa piazzetta e si snoda su terrazze a picco sul mare attraverso i profumi della macchia mediterranea. Per ammirare dall’alto la bellezza dei Faraglioni e della Penisola Sorrentina si segue il sentiero del Pizzolungo, tra ville bellissime, come quella di Curzio Malaparte, e visioni indimenticabili, come quella dell’Arco Naturale, spettacolare arcata di roccia di età paleolitica, larga 12 metri e alta quasi 20, che a causa degli agenti atmosferici e dei processi geologici che hanno interessato l’isola in passato, ha acquisito una curiosa forma ad arco.

E con la primavera si scopre anche la costa occidentale dell’isola, tra la Grotta Azzurra e il Faro di Punta Carena, seguendo la passeggiata che porta ai fortini di Orrico, Mésola e Pino, antiche postazioni erette dagli inglesi nel 1806.

Un trekking impegnativo ma spettacolare, è quello che porta al Monte Solaro, che con i suoi 588 metri è la vetta più alta di Capri. Una volta in cima, dopo aver ammirato la bellezza del panorama, si può proseguire verso l’Eremo di Santa Maria Cetrella, costruito nel XV secolo su uno sperone roccioso a picco su Marina Piccola. Panorama mozzafiato e colori unici vi accompagneranno lungo tutti i percorsi dell’isola. Voi dovete solo munirvi di scarpe comode, bottiglia d’acqua e macchina fotografica per immortalare la bellezza che vi circonda.

Da non perdere: la salita panoramica in seggiovia da Anacapri al Monte Solaro.

Dove dormire: Capri Inn b&b a Marina Grande, a poca distanza dalla funicolare che porta alla famosa piazzetta, punto di partenza per i trekking archeologici verso Villa Jovis. Le camere sono in perfetto stile mediterraneo con balconi affacciati sul mare.

Ad Anacapri, nella tranquillità del bed & breakfast Alle Ginestre, alle pendici del Monte Solaro, perfetto per raggiungere la cima a piedi.

 

Capri, l’altra isola ultima modifica: 2017-03-20T13:48:04+00:00 da Emozioni in Viaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*