Cosa fare a Palermo in due giorni: dal mare di Mondello al Castello di Carini

Se state organizzando un viaggio in Sicilia e volete dedicare un paio di giorni alla splendida città di Palermo, ci sono alcune tappe da non perdere per godere del mare della città, delle sue principali attrazioni e dei dintorni.

Cosa fare a Palermo in due giorni? Innanzitutto ci si gode il mare. Quello del pittoresco borgo di Mondello, a pochi chilometri dalla città. E’ la spiaggia dei palermitani

Realizzata nei primi anni del Novecento grazie alla bonifica di un’area paludosa, è considerata oggi una delle spiagge più belle e suggestive di Palermo. Si trova a soli 11 km dal centro città e questo permette anche a chi ha poco tempo, di godersi lo splendido mare che la bagna. 

Durante la stagione estiva, sulla spiaggia di Mondello vengono allestiti tre lidi attrezzati, ma c’è un lungo tratto di spiaggia libera, proprio vicino al paese. Grazie alla sabbia finissima, al dolce digradare del mare e alla presenza di un efficiente servizio di salvataggio, il lido di Mondello è particolarmente adatto ai bambini.

Chi invece preferisce gli scogli, può scegliere la Riserva Naturale di Capo Gallo, appena oltre il borgo di Mondello o la zona dell’Addura più a est. I fondali cristallini, ne fanno mete apprezzate dagli amanti dello snorkeling e delle immersioni.

COSA FARE A PALERMO IN DUE GIORNI:I DINTORNI DELLA CITTÀ

Due giorni a Palermo possono bastare per vedere le principali attrazioni della città e dei suoi dintorni, per coniugare mare e cultura nello splendido capoluogo della Sicilia.

Imperdibile in un viaggio a Palermo, una tappa alla piccola cittadina di Monreale, a cinque chilometri dalla città. Merita una visita per il bellissimo Duomo del XII secolo, la più grande chiesa normanna della Sicilia, e deve la sua fama alla decorazione musiva a fondo oro, che ricopre le pareti per oltre 6.000 metri quadri di superficie. Straordinaria è la navata centrale, scandita da colonnine e archi a sesto acuto in stile arabo.

Accanto alla chiesa sorge il monastero benedettino, del quale si visita l’elegante chiostro, arricchito da centinaia di colonnine dai capitelli finemente scolpiti. Sono veri capolavori dell’arte romanica.

Un’altra architettura da non perdere è il Castello di Carini, a 20 chilometri da Palermo. L’imponente mole di questo maniero, con le torri merlate e le possenti mura, domina dall’alto un piccolo quartiere medievale.

Il Castello di Carini è divenuto famoso a seguito di una tragica vicenda avvenuta nel 1563, quando il conte Cesare Lanza, uccise la figlia Laura, baronessa di Carini, perché l’aveva sorpresa in compagnia dell’amante. La tragedia, oltre ad essere uno dei soggetti più noti della tradizione orale siciliana, ha ispirato diversi sceneggiati e fiction TV.

INFO UTILI

Il Duomo di Monreale si trova in piazza Guglielmo II ed è visitabile tutti i giorni dalle 08:00 alle 18:00.

Il Monastero e il chiostro benedettino, in piazza Guglielmo II, sono visitabili dalle 09:00 alle 19:00; il lunedì e i festivi, dalle 09:00 alle 13:00. Ingresso 6 €.

Il Castello di Carini, è visitabile tutti i giorni dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00, (inverno 15:00-19:00). E’ chiuso il lunedì. Ingresso 3 €.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.