VIAGGIO NEI BORGHI PIU’ BELLI DELLE MARCHE

La sorprendente varietà di paesaggi delle Marche, si traduce in una grande ricchezza di culture e sapori. La provincia di Pesaro e Urbino, è una zona collinare, le cui pendici sono ammantate di vigneti e oliveti. Le colture tipicamente mediterranee crescono rigogliose grazie all’aria mite che sale dal mare.

Ma questa terra che sa un po’ di Romagna, un po’ di Toscana, stretta tra gli Appennini e il mare Adriatico, regala anche funghi e tartufi, oltre a vini profumati e deliziosi formaggi.

I suoi borghi storici sono preziosi scrigni d’arte. In passato il territorio delle Marche, ha visto il fiorire di alcuni dei più alti esempi della cultura e dell’arte italiana.

Urbino, la splendida città rinascimentale, capitale del Montefeltro, è un esempio unico di urbanistica e architettura quattro-cinquecentesca. Il centro storico è Patrimonio dell’Umanità Unesco. La bellezza di questa città, si deve soprattutto alla ricchezza, al mecenatismo e all’amore per l’eleganza del suo signore Federico II da Montefeltro, che la trasformò in una città-reggia, stretta attorno al Palazzo Ducale. Rappresenta il cuore della città antica e oggi ospita capolavori di Piero della Francesca (famosissima La Flagellazione), Paolo Uccello, Tiziano e Raffaello. Imperdibile una visita alla casa in cui l’artista nacque, il 28 marzo del 1438. Attualmente custodisce una serie di quadri, sculture, stampe, arredi e ceramiche.

Di grande suggestione, anche Gradara, il borgo medievale soggetto nei secoli al predominio dei Malatesta, degli Sforza e dei Della Rovere.

A dominare la cittadina e la vallata circostante, un possente castello cinto da due cerchie murarie. Secondo tradizione, nella Rocca di Gradara, furono uccisi Paolo Malatesta e Francesca da Rimini, i due amanti incontrati da Dante nella Divina Commedia.

Merita una visita anche il grazioso borgo medievale di Pergola, il cui museo, custodisce un importante ritrovamento di epoca romana: i Bronzi Dorati, un gruppo scultoreo risalente al 50 a.C. Comprende un cavaliere, una donna e una coppia di cavalli realizzati in bronzo e ricoperti da foglia d’oro. È un reperto unico al mondo.

EVENTI

La seconda settimana di dicembre, a Pergola, si svolge la Ciocco Festa, una manifestazione che anticipa le festività natalizie. Oltre al cioccolato, protagonista dell’evento, sugli stand che occupano le stradine del centro, si possono assaggiare e acquistare i prodotti tipici della zona.

Dall’8 all’11 dicembre poi, l’atmosfera è resa magica dalla manifestazione Candele a Candelara: ogni sera, il paese è illuminato solo dalle luci delle candele.

Il 21 e 22 gennaio, il borgo medievale di Sant’Andrea di Suasa vicino Mondavio, rende omaggio al maiale, simbolo della cultura gastronomica contadina, con la Festa del Nino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.